INTERESSANTE ED APPREZZABILE INTERROGAZIONE SULLA RIMODULAZIONE DEI TERMINI DI LIQUIDAZIONE DEL TFS/TFR.


COMUNICATO

Si segnala che è stata presentata una interessante interrogazione, a firma dell’On. Carra (PD, Commissione Agricoltura), in cui si chiede al Governo quali iniziative intenda assumere al fine di procedere ad una rimodulazione dei termini di liquidazione del trattamento di fine servizio e  di fine rapporto.

Ricordando che durante questa legislatura sono state approvate diverse misure finalizzate a ridurre gli effetti della legge Fornero, l’interpellanza chiede al Governo come intende  intervenire sui termini  di liquidazione dei trattamenti di fine servizio/fine rapporto in particolare declinando termini più favorevoli al lavoratore ed abbassando il tetto dei 24 mesi.

All’uopo è opportuno ricordare che, la vigente legislazione, riserva  ai dipendenti pubblici  in materia di liquidazione del TFS/TFR un trattamento dilatorio sia in termini di tempo (dopo 24 mesi la prima tranche) e sia in termini quantitativi (solo il 50% del TFS/TFR con la prima tranche).

E’ nostro auspicio che l’intervento dell’On. Carra possa trovare una positiva accoglienza.

 

Lì,  15.06.2017

IL PRESIDENTE

Giorgio Germani


 

Executive Summary

CAMERA – Si segnala per conoscenza la presentazione di un’interrogazione a risposta in Commissione a firma dell’On. Carra (PD, Comm.ne Agricoltura), che chiede al Governo quali iniziative intenda assumere al fine di procedere ad una rimodulazione dei termini di liquidazione del trattamento di fine servizio e trattamento di fine rapporto declinando termini più favorevoli al lavoratore e comunque abbassando il tetto dei 24 mesi.

 

Analisi

L’interrogante rileva che la circolare dell’INPS del 17 settembre 2015 evidenzia che, se la data di maturazione del requisito contributivo ai fini della pensione va dal 1o gennaio 2012 al 31 dicembre 2017, il termine di pagamento del trattamento di fine servizio e trattamento di fine rapporto è di 6 mesi con diritto a pensione maturato entro il 31 dicembre 2013, a prescindere dalle penalizzazioni, o 12 mesi con diritto a pensione maturato dopo il 31 dicembre 2013, a prescindere dalle penalizzazioni. In considerazione di questo, nonché dell’approvazione dei decreti concernenti l'Ape (anticipo pensionistico), si chiede di sapere:

  • se il Governo intenda assumere iniziative per rivedere tali disposizioni e procedere ad una rimodulazione dei termini di liquidazione del trattamento di fine servizio e trattamento di fine rapporto declinando termini più favorevoli al lavoratore e comunque abbassando il tetto dei 24 mesi.

 

Fonte

Di seguito il testo dell’interrogazione.

 

  ÔÇ...ÔÇ...CARRA. — Al Ministro del lavoro e delle politiche sociali. — Per sapere – premesso che: 
   la circolare dell'Inps n. 154 del 17 settembre 2015 concernente l'articolo 1, commi 113, 258, 623, 708, della legge 23 dicembre 2014, n. 190, recante «Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge di stabilità 2015)» disciplina i riflessi sui trattamenti di fine servizio e trattamenti di fine rapporto dei dipendenti pubblici determinando i termini di pagamento degli stessi dalla cessazione del rapporto di lavoro; 
   tale circolare evidenzia che, se la data di maturazione del requisito contributivo ai fini della pensione va dal 1o gennaio 2012 al 31 dicembre 2017, il termine di pagamento del trattamento di fine servizio e trattamento di fine rapporto è di 6 mesi con diritto a pensione maturato entro il 31 dicembre 2013, a prescindere dalle penalizzazioni, o 12 mesi con diritto a pensione maturato dopo il 31 dicembre 2013, a prescindere dalle penalizzazioni; 
   se la data di maturazione del requisito contributivo ai fini della pensione è a partire dal 1ogennaio 2018, allora il trattamento di fine servizio e trattamento di fine rapporto saranno erogati 12 mesi dopo con trattamento pensionistico senza penalizzazioni e 24 mesi se il trattamento pensionistico è erogato con penalizzazioni; 
   in questa legislatura è stata approvata una serie di misure finalizzate a ridurre gli effetti negativi della cosiddetta legge Fornero, da ultimo con l'approvazione dei decreti concernenti l'Ape (anticipo pensionistico); 
   il permanere di misure così restrittive nell'ambito della erogazione del trattamento di fine servizio e trattamento di fine rapporto rappresentano una ingiustificata penalizzazione per questi lavoratori –: 
   se il Governo intenda assumere iniziative per rivedere tali disposizioni e procedere ad una rimodulazione dei termini di liquidazione del trattamento di fine servizio e trattamento di fine rapporto declinando termini più favorevoli al lavoratore e comunque abbassando il tetto dei 24 mesi. (5-11543)

 


╗ Documenti allegati:
   Documento allegato ... QUI il comunicato


 
Categoria: Uffici ANQUAP Data di creazione: 15/06/2017
Sottocategoria: Previdenza Ultima modifica: 15/06/2017
Permalink: INTERESSANTE ED APPREZZABILE INTERROGAZIONE SULLA RIMODULAZIONE DEI TERMINI DI LIQUIDAZIONE DEL TFS/TFR. Tag: INTERESSANTE ED APPREZZABILE INTERROGAZIONE SULLA RIMODULAZIONE DEI TERMINI DI LIQUIDAZIONE DEL TFS/TFR.
Autore: Pagina letta 503 volte

  Feed RSS Stampa la pagina ...  

Fine colonna 2
Torna indietro Torna su - access key T