CONFRONTO CON L'AUTORITA' DI GESTIONE SUI PON


RESOCONTO

Nel pomeriggio di ieri 7 marzo 2018 si è tenuto presso il MIUR , Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali  -  Direzione generale per gli affari internazionali un incontro tra la Dirigente dell’UFFICIO IV, Programmazione e gestione dei fondi strutturali europei e nazionali per lo sviluppo e la coesione sociale,  dott.ssa ANNA MARIA LEUZZI ed dirigenti ANQUAP Salvatore Gallo, responsabile nazionale Ufficio Contabilità  ed Alfonsina Montefusco , responsabile nazionale Ufficio PON.

L’incontro era stato richiesto al vertice dall’Autorità di Gestione con l’obiettivo di fare piena chiarezza e dare di conseguenza soluzione ottimale ad alcune problematicità relative alla gestione dei progetti PON, autorizzati e finanziati alle scuole per l’annualità 2014/2020, che da ultimo e più di frequente erano  venute ad evidenziarsi sia rispetto all’inserimento corretto  di alcune specifiche procedure amministrativo contabili, in particolare attinenti all’attività negoziale, nelle piattaforme gestionali digitali sia in relazione ad alcune incertezze interpretative delle linee guida FSE.

In un clima di positiva collaborazione sono state prese in esame le seguenti criticità:

A)    Selezione operatori economici cui affidare appalti di lavori, beni e servizi – pag. 75 linee guida 09.02.2018

In riferimento alla selezione di operatori economici cui affidare appalti di lavori, beni e servizi, le linee guida dell’AdG dispongono che le Istituzioni scolastiche devono osservare una delle seguenti modalità:

1)    Affidamento diretto per appalti di importo fino a € 2.000 o altro limite stabilito dal Consiglio di Istituto

2)    Affidamento previa comparazione di preventivi per appalti di importo superiore ad € 2.000 (o altro limite stabilito dal Consiglio di Istituto) e inferiore ad € 40.000.

3)    Procedura negoziata semplificata per appalti di un valore pari o superiore ad € 40.000 ed inferiore ad € 144.000.

Il problema rappresentato riguardava la procedura di cui al punto 2). Infatti, qualora l’Istituzione Scolastica proceda con comparazione fuori MEPA, nel momento in cui si appresta ad inserire la documentazione in piattaforma GPU – Procedure di gara per servizi e forniture – il sistema propone esclusivamente n.2 opzioni: affidamento diretto fuori MEPA e procedura negoziata fuori MEPA.  In caso di scelta di affidamento diretto, il sistema richiede l’inserimento della delibera del Consiglio di Istituto di superamento del limite, pur avendo effettuato una comparazione

In riferimento al problema rappresentato, la Dott.ssa Leuzzi ha rilevato che trattasi di un errore tecnico della piattaforma che provvederanno a rimuovere prevedendo una terza procedura (comparativa) o eliminando l’obbligo della delibera.

 

B)    Tutor aziendale PON Alternanza scuola-lavoro. La perplessità rappresentata riguardava il coinvolgimento di più aziende e, quindi, di diversi tutor aziendali e relativo compenso.

In merito alla problematica trattata, la Dott.ssa Leuzzi ha chiarito che, in caso di coinvolgimento di più aziende nel percorso di alternanza scuola-lavoro, i tutor aziendali possono essere diversificati, posto l’importo massimo del compenso stabilito in base ai costi standard.

Se il percorso si svolge in Italia, successivamente all’individuazione da parte delle aziende, si può procedere in due modi:

1)  Nell’ambito della convenzione viene inserito il riferimento al tutor aziendale (nominativo, ore, compenso), le ore effettuate dal Tutor dovranno essere dettagliatamente rilevate ed infine, l’azienda potrà emettere fattura dalla quale si deve evincere chiaramente che il servizio fatturato è riferito al tutor aziendale (nominativo – ore – compenso)

2)  La scuola stipula un contratto di prestazione d’opera occasionale direttamente con il tutor individuato dall’azienda, in virtù del quale sarà effettuata la liquidazione da parte della scuola e l’emissione della notula di prestazione, da parte del soggetto incaricato.

Se il percorso di ASL si svolge all’estero, l’Istituzione Scolastica può strutturare una procedura per l’acquisizione di servizi di trasporto, vitto e alloggio ed anche tutor aziendale (pacchetto chiuso). In tal caso l’individuazione del tutor avverrà da parte della o delle aziende estere, ma trattandosi di personale residente all’estero e di redditi prodotti all’estero, il nominativo ed il relativo compenso potranno essere inseriti all’interno della convenzione stipulata tra Scuola e Azienda e prevedere la liquidazione del compenso per il tramite dell’operatore economico al quale vengono affidati tutti i servizi per la realizzazione del percorso di Alternanza.

 

C)  La Dott.ssa Leuzzi ha riferito, con invito a socializzare la notizia ai colleghi, che sono stati predisposti dei controlli, senza preavviso, per la verifica della presenza degli alunni inseriti nei vari percorsi, in base al calendario inserito a sistema.

 

Dopo circa un’ora e mezza l’incontro si è concluso, con i sinceri ringraziamenti porti dai colleghi dirigenti responsabili degli uffici nazionali Contabilità e PON alla dott.ssa Leuzzi ed al suo staff per la consueta, grande, disponibilità e con l’impegno reciprocamente assunto per il prosieguo della collaborazione fattiva e costante tra l’ADG e l’ANQUAP finalizzata alla migliore qualità possibile nella realizzazione delle procedure e nella ricerca di soluzioni comuni alle criticità connesse all’attuazione dei progetti PON FESR ed FSE.

 

 

Lì, 08.03.2018

 

IL RESPONSABILE UFFICIO PON

IL RESPONSABILE UFFICIO CONTABILITÀ

Alfonsina Montefusco

Salvatore Gallo


╗ Documenti allegati:
   Documento allegato ... QUI il resoconto


 
Categoria: PON 2014/2020 Data di creazione: 09/03/2018
Sottocategoria: Avvisi ed altro Ultima modifica: 09/03/2018 17:45:21
Permalink: CONFRONTO CON L'AUTORITA' DI GESTIONE SUI PON Tag: CONFRONTO CON L'AUTORITA' DI GESTIONE SUI PON
Autore: Pagina letta 1698 volte

  Feed RSS Stampa la pagina ...  

Fine colonna 2
Torna indietro Torna su - access key T