GRADUATORIE PERMANENTI PER DIRETTORI SGA: PROPOSTA


Al Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca

Dr. Marco BUSSETTI

 

Al Presidente della Commissione VII

Cultura della Camera dei Deputati

On. Luigi GALLO

 

Al Presidente della Commissione 7°

Istruzione Pubblica, Beni Culturali del Senato della Repubblica

Sen. Mario PITTONI

 

e p.c. Al Sottosegretario del MIUR

Dr. Salvatore GIULIANO

 

Ai Componenti delle Commissioni

Parlamentari competenti

 

Al Capo di Gabinetto del MIUR

Dr. Giuseppe CHINÈ

 

 

Oggetto: Direttori SGA, proposta istituzione graduatorie permanenti.

 

Sig. Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e Sigg. Presidenti delle competenti Commissioni Parlamentari,

la grave situazione nella quale versano le segreterie scolastiche per la mancanza dei Direttori SGA, destinata ad aggravarsi con l’inizio del prossimo a.s. 2019/2020, rende necessario un intervento di massima urgenza.

 

Allo scopo l’Associazione scrivente rimette l’unito documento contenente una specifica proposta realizzabile in tempi brevi.

 

Sui contenuti del documento e, più in generale sullo stato di sofferenza delle segreterie scolastiche, si dichiara la disponibilità ad ogni utile approfondimento e confronto.

 

Grato per l’attenzione, porgo distinti saluti e resto in attesa di cortese riscontro.

 

Lì, 02.04.2019

IL PRESIDENTE

Giorgio Germani


 

PROPOSTA ISTITUZIONE GRADUATORIE PERMANENTI PER DIRETTORI SGA

DOCUMENTO

La sostituzione dei Direttori SGA delle Istituzioni Scolastiche ed Educative costituisce da sempre un’operazione complessa, per l’inadeguatezza delle norme contrattuali (purtroppo solo contrattuali) che disciplinano la materia (art. 56 CCNL 29/11/2007, art. 47 dello stesso CCNL come sostituito dalla sequenza contrattuale del 25/7/2008 e le annuali clausole contenute nel CCNI su utilizzazioni ed assegnazioni provvisorie, da ultimo l’art. 14 del CCNI del 28/6/2018).

 

Nel corrente anno scolastico 2018/2019 le criticità sono aumentate in termini rilevanti per il numero ingente (oltre 2.000 unità) di posti vacanti e disponibili. La situazione è destinata ad aggravarsi con il prossimo a.s. 2019/2020 quando per effetto dei pensionamenti i posti scoperti saranno intorno alle 2.500 unità, mentre il concorso bandito il 20/12/2018 per la copertura di 2.004 posti (ne servirebbero molti di più) non potrà essere concluso in tempo utile per le assunzioni a tempo indeterminato, che debbono avvenire entro il 31/8/2019 (a legislazione vigente).

 

In siffatte condizioni, per evitare il “collasso” amministrativo delle scuole sarebbe doveroso intervenire con una procedura d’urgenza che porti in tempi brevi (anzi brevissimi) alla costituzione di graduatorie permanenti come previsto dal già citato art. 56 c. 5 del CCNL 29/11/2007. Si tratterebbe di graduatorie a livello regionale che, a regime, costituirebbero una soluzione subordinata rispetto alle graduatorie di merito, di cui all’art. 9 del D.M. 863 del 18/12/2018 relativo a “Disposizioni concernenti il concorso per titoli ed esami per l’accesso al profilo professionale del DSGA”.

 

L’accesso alle graduatorie, a livello regionale, dovrebbe essere consentito a coloro che possiedono il requisito culturale prescritto, diploma di laurea ecc. ecc. (vedi All. A al D.M. 863/2018), previo superamento di un colloquio concernente le funzioni attribuite alle istituzioni scolastiche (art. 14 DPR 275/99), relativamente a: carriera degli alunni, gestione del personale, contabilità etc… etc….

 

In prima applicazione nella graduatoria vengono inseriti anche gli Assistenti Amministrativi che hanno svolto per almeno due anni (e senza demerito) le funzioni di Direttore SGA e gli Assistenti Amministrativi che sono entrati nelle graduatorie provinciali definitive della mobilità professionale per il passaggio dall’area B all’area D (svoltasi nel 2010). Anche per gli Assistenti Amministrativi in possesso dei citati requisiti è richiesto il superamento del colloquio, come sopra specificato.

 

La collocazione nelle graduatorie dovrebbe avvenire con la valutazione dei titoli (culturali e di servizio) e del colloquio; valutazione rimessa ad apposito provvedimento ministeriale che attribuisce i relativi punteggi.

 

Si fa ricorso alle graduatorie permanenti, che si rinnovano e aggiornano ogni tre anni, solo dopo l’esaurimento di quelle di merito.

 

Attraverso le graduatorie permanenti si procede alle assunzioni a tempo indeterminato – nella misura massima del 50% di quelle annualmente autorizzate - alle supplenze annuali ed anche alle supplenze per assenze del titolare superiori a tre mesi.

 

 

I candidati assunti a tempo indeterminato effettuano il periodo di prova come prescritto dalla vigente normativa contrattuale.

 

I candidati assunti per la prima volta come supplenti annuali o per periodi superiori a tre mesi sono soggetti ad un periodo di prova di 15 giorni.

 

Sia gli assunti a tempo indeterminato che quelli a tempo determinato vengono affiancati da un tutor (DSGA con cinque anni di ruolo) per un periodo di almeno un mese.

 

Se vi è volontà politica la realizzazione di quanto proposto potrebbe avvenire nell’arco temporale massimo di tre mesi (da maggio a luglio 2019) e consentirebbe le assunzioni entro il termine del 31 agosto 2019

 

La presente proposta viene inviata al Ministro dell’Istruzione Università e Ricerca (e ai suoi più diretti collaboratori), ai Presidenti delle Commissioni Parlamentari competenti di Senato e Camera e relativi componenti.

 

Lì, 02.04.2019

IL PRESIDENTE

 

Giorgio Germani

 

 


╗ Documenti allegati:
   Documento allegato ... QUI la lettera
   Documento allegato ... QUI il documento


 
Categoria: Uffici ANQUAP Data di creazione: 06/04/2019
Sottocategoria: Personale Ultima modifica: 05/04/2019 11:42:31
Permalink: GRADUATORIE PERMANENTI PER DIRETTORI SGA: PROPOSTA Tag: GRADUATORIE PERMANENTI PER DIRETTORI SGA: PROPOSTA
Autore: Pagina letta 2301 volte

  Feed RSS Stampa la pagina ...  

Fine colonna 2
Torna indietro Torna su - access key T