Decreto "Cura Italia" - Il lavoro agile e' "obbligatorio", salvo eccezioni per attivita' indifferibili che, nelle scuole, sono limitatissime.


Con il Decreto “Cura Italia” si confermano le disposizioni già previste con il Dpcm 11/03/2020 e con la Direttiva n. 2 del Ministro della Pubblica Amministrazione.

I tentennamenti sul ricorso al lavoro agile non sono più ammessi.

L’art. 87 del D.L. 17/3/2020 n. 18 “Misure di potenziamento del Servizio sanitario nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all'emergenza epidemiologica da COVID-19” dispone in materia di lavoro agile nelle amministrazioni pubbliche (scuole comprese).

Il Comma 1 dell’art. 87 prevede che: “fino alla cessazione dello stato di emergenza epidemiologica da COVID-2019, ovvero fino ad una data antecedente stabilita con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri su proposta del Ministro per la pubblica amministrazione, il lavoro agile è la modalità ordinaria di svolgimento della prestazione lavorativa.

Conseguentemente, le Pubbliche Amministrazione (scuole comprese), così come previsto nei successivi punti e commi dell’art. 87:

a) limitano la presenza del personale negli uffici per assicurare esclusivamente le attività che ritengono indifferibili e che richiedono necessariamente la presenza sul luogo di lavoro, anche in ragione della gestione dell’emergenza;

b) prescindono dagli accordi individuali e dagli obblighi informativi previsti dagli articoli da 18 a 23 della legge 22 maggio 2017, n. 81.

 

Comma 2. La prestazione lavorativa in lavoro agile può essere svolta anche attraverso strumenti informatici nella disponibilità del dipendente qualora non siano forniti dall’amministrazione. In tali casi l’articolo 18, comma 2, della legge 23 maggio 2017, n. 81 non trova applicazione.

Comma 3. Qualora non sia possibile ricorrere al lavoro agile, anche nella forma semplificata di cui al comma 1, lett. b), le amministrazioni utilizzano gli strumenti delle ferie pregresse, del congedo, della banca ore, della rotazione e di altri analoghi istituti, nel rispetto della contrattazione collettiva.

Esperite tali possibilità le amministrazioni possono motivatamente esentare il personale dipendente dal servizio. Il periodo di esenzione dal servizio costituisce servizio prestato a tutti gli effetti di legge

Ne consegue che i Dirigenti Scolastici, coadiuvati dai Direttori sga, hanno l’obbligo di organizzare il lavoro agile fino alla cessazione dello stato di emergenza epidemiologica da COVID-19.

Eventuali decisioni in senso non conforme alle citate disposizioni, oltre che incomprensibili, esporrebbero i dirigenti scolastici al rischio di gravi responsabilità.

In caso di inerzia e/o titubanza dei dirigenti scolastici, suggeriamo ai Direttori sga, in ragione del loro ruolo di “Capi” del personale Ata, di presentare e formalizzare al Dirigente una specifica proposta di attuazione del lavoro agile.

Allo stato delle intervenute disposizioni abbiamo predisposto un nuovo format sul lavoro agile nelle scuole che mettiamo nella libera disponibilità delle scuole stesse (la relativa check list, disponibile sul nostro sito, è stata aggiornata in data odierna).

In sintesi:

1)    Il Dirigente Scolastico emana disposizioni interne per l’attuazione dell’art. 87 del D.L. 17/3/2020 n. 18 che prevede lo svolgimento in via ordinaria delle prestazioni lavorative in forma agile (vedi esempio dispositivo).

2)    Il Dirigente Scolastico individua eventuali attività indifferibili da rendere in presenza.

3)    Le amministrazioni comunicano tempestivamente al Dipartimento della funzione pubblica a mezzo PEC al seguente indirizzo: protocollo_dfp@mailbox.governo.it le misure poste in essere in attuazione della presente direttiva, con particolare riferimento alle modalità organizzative adottate per il ricorso al lavoro agile (Direttiva n° 2 del 12/03/2020 – punto 9).

 

Ulteriori disposizioni riferite al lavoro agile previste dal Decreto “Cura Italia”:

Art. 39 (Disposizioni in materia di lavoro agile)

1.Fino alla data del 30 aprile 2020, i lavoratori dipendenti disabili nelle condizioni di cui all’articolo 3, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n.104 o che abbiano nel proprio nucleo familiare una persona con disabilità nelle condizioni di cui all’articolo 3, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104, hanno diritto a svolgere la prestazione di lavoro in modalità agile ai sensi dagli articoli da 18 a 23 della legge 22 maggio 2017, n. 81, a condizione che tale modalità sia compatibile con le caratteristiche della prestazione.

 

Art. 75 (Acquisti per lo sviluppo di sistemi informativi per la diffusione del lavoro agile e di servizi in rete per l’accesso di cittadini e imprese)

1.Al fine di agevolare la diffusione del lavoro agile di cui all’articolo 18 della legge 22 maggio 2017, n. 8, favorire la diffusione di servizi in rete e agevolare l'accesso agli stessi da parte di cittadini e imprese, quali ulteriori misure di contrasto agli effetti dell’imprevedibile emergenza epidemiologica da COVID-19, le amministrazioni aggiudicatrici, come definite dall’articolo 3 decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50, nonché le autorità amministrative indipendenti, ivi comprese la Commissione nazionale per le società e la borsa e la Commissione di vigilanza sui fondi pensione, in deroga ad ogni disposizione di legge diversa da quella penale, fatto salvo il rispetto delle disposizioni del codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione, di cui al decreto legislativo 6 settembre 2011, n. 159, sono autorizzate, sino al 31 dicembre 2020, ad acquistare beni e servizi informatici, preferibilmente basati sul modello cloud SaaS (software as a service), nonché servizi di connettività, mediante procedura negoziata senza previa pubblicazione di un bando di gara ai sensi dell’articolo 63, comma 2, lett. c), del decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50, selezionando l’affidatario tra almeno quattro operatori economici, di cui almeno una «start-up innovativa» o un «piccola e media impresa innovativa», iscritta nell’apposita sezione speciale del registro delle imprese di cui all’articolo 25, comma 8, del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall’art. 1, comma 1, L. 17 dicembre 2012, n. 221 e all’articolo 4, comma 2, del decreto-legge 24 gennaio 2015, n. 3, convertito in legge, con modificazioni, dall'art. 1, comma 1, L. 24 marzo 2015, n. 33.

2. Le amministrazioni trasmettono al Dipartimento per la trasformazione digitale e al Dipartimento della funzione pubblica della Presidenza del Consiglio dei ministri gli atti con i quali sono indette le procedure negoziate.

3. Le amministrazioni possono stipulare il contratto previa acquisizione di una autocertificazione dell’operatore economico aggiudicatario attestante il possesso dei requisiti generali, finanziari e tecnici, la regolarità del DURC e l’assenza di motivi di esclusione secondo segnalazioni rilevabili dal Casellario Informatico di Anac, nonché previa verifica del rispetto delle prescrizioni imposte dalle disposizioni del codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione, di cui al decreto legislativo 6 settembre 2011, n. 159. Al termine delle procedure di gara, le amministrazioni stipulano immediatamente il contratto ed avviano l’esecuzione degli stessi, anche in deroga ai termini di cui all’articolo 32 del decreto legislativo n. 50 del 2016.

4. Gli acquisti di cui al comma 1 devono essere relativi a progetti coerenti con il Piano triennale per l'informatica nella pubblica amministrazione. Gli interventi di sviluppo e implementazione dei sistemi informativi devono prevedere, nei casi in cui ciò è possibile, l’integrazione con le piattaforme abilitanti previste dagli articoli 5, 62, 64 e 64-bis dal decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82.

5. Le amministrazioni pubbliche procedono ai sensi del comma 1 con le risorse disponibili a legislazione vigente. Dall’attuazione della disposizione non derivano nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica.

Ricordiamo che, per le II.SS., è possibile fare ricorso all’affidamento diretto ai sensi dell’art. 36, comma 2, lett. a) del D.Lgs 50/2016 e s.m.i. per le acquisizioni di forniture e servizi di importo inferiore ai 40.000,00 euro.

 

Lì, 18 marzo 2020

 

A cura di: Marco Santini, Alessandra Ferrari, Sabato Simonetti e Giorgio Germani


╗ Documenti allegati:
   Documento allegato ... scarica il contributo il f.to PDF


 
Categoria: Contributi professionali Data di creazione: 18/03/2020
Sottocategoria: Personale Ultima modifica: 18/03/2020 13:34:34
Permalink: Decreto "Cura Italia" - Il lavoro agile e' "obbligatorio", salvo eccezioni per attivita' indifferibili che, nelle scuole, sono limitatissime. Tag: Decreto "Cura Italia" - Il lavoro agile e' "obbligatorio", salvo eccezioni per attivita' indifferibili che, nelle scuole, sono limitatissime.
Autore: Santini Marco Pagina letta 1523 volte

  Feed RSS Stampa la pagina ...  

Fine colonna 2
Torna indietro Torna su - access key T