Riportiamo di seguito la cronaca di una partita giocata solo da alcuni protagonisti:

 

LEGGE 29 dicembre 2022, n. 197 art. 1 c. 561:

Nello stato di previsione del Ministero dell’istruzione e del merito è istituito un fondo, con una dotazione iniziale di 150 milioni di euro per l’anno 2023, finalizzato alla valorizzazione del personale scolastico, con particolare riferimento alle attività di orientamento, di inclusione e di contrasto della dispersione scolastica, ivi comprese quelle volte a definire percorsi personalizzati per gli studenti, nonché di quelle svolte in attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza. Con decreto del Ministro dell’istruzione e del merito, sentite le organizzazioni sindacali, da adottare entro centottanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, sono definiti i criteri di utilizzo delle risorse di cui al presente comma.

 

Nella Relazione tecnica di accompagnamento al provvedimento, in relazione al Comma 561, viene scritto:

Si istituisce un fondo nello stato di previsione del Ministero dell’istruzione e del merito con una dotazione iniziale di 150 milioni di euro per l’anno 2023 finalizzato alla valorizzazione del personale scolastico (docenti e ATA), con particolare riferimento alle attività di orientamento, di inclusione e di contrasto alla dispersione scolastica, ivi comprese quelle volte a definire percorsi personalizzati per gli studenti, nonché di quelle svolte in attuazione del PNRR. I criteri di utilizzo del fondo sono definiti dal Ministro dell’istruzione e del merito, sentite le organizzazioni sindacali, con proprio decreto.

 

Ora invece, nell’Informativa sull’emanazione del Decreto ministeriale concernente la definizione dei criteri di ripartizione e le modalità di utilizzo delle risorse finanziarie alle OO.SS. da parte del MIM il 21/03/2023 viene scritto quanto segue:

I 150 milioni di euro previsti come dotazione iniziale per l’anno 2023 sono destinati a remunerare le circa 40.000 figure di docente tutor a cui vanno ad aggiungersi quelle di docente orientatore, una per ogni istituto scolastico; saranno distribuiti nelle scuole in maniera proporzionale al numero degli studenti delle classi terze, quarte e quinte delle secondarie di secondo grado (anno scolastico 2023/2024).

 

Ci risiamo! Ancora una volta il personale ATA è stato escluso!

 

Con l’istituzione del tutor e del docente orientatore comincia la grande rivoluzione del merito”: così il Ministro Giuseppe Valditara dopo l’incontro fra il Ministero dell’Istruzione e del Merito e i Sindacati di categoria.

 

Caro Ministro ci permetta di dire (con assoluta convinzione) che il merito di una scuola migliore è di tutto il personale scolastico, anche ATA. Parliamone!

 

Lì, 24.03.2023

IL PRESIDENTE

Giorgio Germani


» Documenti allegati:
   Documento allegato ... QUI il comunicato Anquap


 
Categoria: Uffici ANQUAP Data di creazione: 24/03/2023
Sottocategoria: Personale Ultima modifica: 27/03/2023 15:14:10
Permalink: ENNESIMA BEFFA PER IL PERSONALE ATA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE Tag: ENNESIMA BEFFA PER IL PERSONALE ATA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE
Autore: Pagina letta 2460 volte

  Feed RSS Stampa la pagina ...